Una settimana fa Luisa mi aveva appeso a un gancio e mi aveva più o meno salvato, lasciando segni di lividi, nervosismo, morsi e ciglia su tutto il mio torace e i miei muscoli affaticati e doloranti. Dopo il terzo giorno, mentre cercavo di trovare una posizione a letto che non fosse dolorosa, entrò nuda, con gli occhi tristi. Tirò indietro le coperte e guardò il mio corpo segnato. I lividi stavano diventando gialli in alcuni punti. I suoi occhi erano bagnati.

Borbottò, “Mai più“.

Per me va bene“.

Mi guardò negli occhi, la sua faccia triste. “Voglio tenerti in braccio“. Una dichiarazione che era in qualche modo anche una domanda.

Non ho difesa contro il suo dolore. Voglio solo farla stare meglio. “Solo se mi stringi forte“.

Emise un lieve sospiro di sollievo e si rannicchiò dolcemente verso di me. È stato bello.

I giorni seguenti abbiamo fatto sesso in modo dolce e normale. Il rapporto più aggressivo fu quando si fece strada sul petto e si sedette sul mio viso, le sue mani mi tiravano i capelli mentre urlava in orgasmo. Abbiamo fatto tutte le cose che avevamo fatto prima. È stato soddisfacente e sicuro.

Giovedì sono tornato a casa dal lavoro. Lei stava seduta sul divano nella stanza principale, indossando mutandine rosse e una canotta setosa, che le stavano molto bene.

Vieni, siediti sulle mie ginocchia, piccolo“.

Mi misi a ridere. “Ti schiaccerei

Allora siediti accanto a me“. Accarezzò il divano sul lato sinistro. Mi sono seduto lì.

Si dimenò sulle mie ginocchia e si mise a cavallo. Chinandosi verso di me con la parte superiore della testa, seppellì il viso nell’incavo del mio collo, e mi leccò delicatamente. Appoggiandosi all’indietro, mi tirò su la camicia e la staccò, lanciando bottoni dappertutto. Rimisi le braccia indietro e le lasciai strappare via tutto. Premette il suo corpo contro il mio, i suoi seni premuti contro il mio petto. Ci siamo baciati per un po’.

Dobbiamo parlare, piccolo” Mi stava sussurrando all’orecchio.

Lo so“.

Prese tempo, respirandomi sul mio collo. “Sono andata troppo oltre. Non lo faremo più. Torneremo come una volta“.

Per me è stato difficile dirlo e ho iniziato ad arrossire. “Non sono sicuro di voler tornare indietro. O non del tutto…

Inspirò rumorosamente e si spinse indietro per guardarmi. “Davvero? Ti piace quello che ti ho fatto?

Non volevo incontrare i suoi occhi, ma mi tenne la testa facendomi guardare. “Alcune cose si” La mia faccia stava bruciando.

Lei sorrise leggermente. “Che ne pensi?

Ho dovuto pensare per un po’. Sul momento non sempre sono ravveduto. “È importante per me prendermi cura di te. E l’ho fatto. In tutti i modi. Quella volta a Santa Lucia…” C’era stato un incidente mentre tornavamo in macchina. “Tra te e quella minaccia… mi sembrava di essere nato per questo“. Non volevo sollevare un vecchio argomento, ma ho aggiunto: “Vorrei solo che avessi corso come ti avevo detto“.

Come se ti avessi mai lasciato indietro“. Si era messa accanto a me con un ghigno selvaggio e mi aveva detto, con un accento da gangster di Guy Ritchie che tra l’altro non credevo fosse in grado di fare, “Beh, dai, se pensi di averlo abbastanza duro, vieni!” La guardammo tutti, incluso me, e il nemico si disse che non valeva la pena scopare con “quella pazza puttana“.

Per quanto volessi proteggerti, sapere che invece eri tu che mi stavi proteggendo mi ha fatto sentire…

Ha chiesto: “Ti ha fatto sentire come?”

Caldo e cremoso

Lei rise e io mi unii a lei..

Allora, cosa ti piace tra le cose che abbiamo fatto?

Stavo arrossendo ed ero imbarazzata. “Non farmelo dire

Quando ho preso la tua temperatura? Quando ti ho sculacciato?

Ho annuito.

E il pegging?

Quando non sei troppo rude

Che ne dici di legarti?

Volevo spiegarti bene cosa ho pensato: “Voglio farti piacere. Voglio darti tutto quello che vuoi“. Ha iniziato a parlare ma l’ho interrotta. “Immagino che mi piaccia quando mi dici cosa fare, almeno a letto. È stata una sorpresa” Poi ho aggiunto “Ma ho sofferto per una settimana. Mi sono appena ripreso. Solo adesso ho ripreso a camminare normalmente” Ho fatto un respiro profondo. “Non possiamo continuare a farlo“.

Si sedette più in alto e mi avvolse le braccia attorno al collo, tirandomi la faccia nel petto. “Non lo faremo più, piccolo

Sospirai. “Va bene allora

Si chinò su di me e mi sussurrò all’orecchio. “Domani potresti ancora camminare in modo buffo…

Aspetta, cosa?

Si tirò indietro e cambiò orecchio, sussurrando: “Il tuo culo è pronto per una lunga notte

Sentivo un po’ freddo sulla schiena. Mi mise la mano dietro il collo e lo notò: “Oh mio Dio! Ho sentito i tuoi capelli alzarsi! È la cosa più bella che sia mai successa!

L’ho negato. “I miei capelli non si sono alzati

Dì quello che vuoi. So cosa ho provato.” Lei mi ha guardato. “Vai a prepararti, piccolo.” Voleva dire che sarei dovuto andare in bagno, se necessario, e fare la doccia, cosa che ho fatto.

Quando arrivai in camera da letto vidi che aveva acceso le candele. Ne stava accendendo una sul cassettone con le spalle rivolte a me. Era nuda e non indossava un’imbracatura. Mi aspettavo un lungo pegging, il che mi rendeva nervoso, ma se no, cosa? Una sculacciata estesa? Non sarebbe peggio?

Dopo aver acceso la candela, spense il fiammifero e si girò verso di me. Indossava un dildo rosa, lungo ma non troppo spesso. Non era realisticamente modellato come alcuni dei suoi altri, essendo liscio per tutta la sua lunghezza, sebbene gonfio sulla parte della testa.

Ok, cosa nascondi?” Anche se ho avuto qualche idea.

“Trattenendolo, vuoi dire. Kegels! È un Feeldoe!” Ha flesso i muscoli interni e il giocattolo ha fatto un su e giù. “Vedi? Posso spostarlo come il tuo.

Ho sorriso. “Sì, capisco. Molto carino.”

Bene andiamo. Sto aspettando di provarlo da una settimana.” Aprì un cassetto e tirò fuori i polsini che aveva usato per appendermi al soffitto. “Mettiamoli

Potrei avere un disturbo da stress post traumatico dall’ultima volta che ha usato quelli. Il mio cuore ha iniziato a battere forte e ho detto: “Ehm, preferirei non usarli stanotte …

Alla luce fioca delle candele non credo che potesse vedere la mia faccia, ma avrebbe potuto sentire qualcosa nella mia voce. “No, certo che no, piccolo. Li metterò via.” fece lei.

C’erano dei cuscini nel mezzo del letto. “Come mi vuoi?” Mi aveva fatto sedere a faccia in su, a faccia in giù e una volta si era chinata sul divano.

Questa volta a faccia in giù. Non sarà così stancante.” Stancante per chi?

Mi sono posizionato sopra i cuscini, il culo in alto. Si sporse un po’ in avanti, il suo giocattolo appoggiato tra le mie guance, e mi tirò i cuscini, tirandoli più in basso sui fianchi e puntando il sedere in una direzione più verticale. Poi si è seduta, a cavallo tra le mie cosce.

“Fletti un po’ le guance”. Mi sono contorto.

Oh mio Dio.” Era così imbarazzante. L’ho fatto comunque.

Lei fece un respiro tremante. “Non hai idea di quanto mi piace questa visione“. Mi ha accarezzato. “Dato che hai seguito i miei ordini, ti renderò le cose un po’ più facili. Forse una sculacciata più corta …

Se sono stato bravo, dovrei ricevere una sculacciata? Forse possiamo saltarla?

Hmm. Dovrò riempire il tempo mancante con un cazzo più lungo poi …

Aspetta, fammi pensare …

Che ne dici di aggiungere solo un po’ di colore, allora?” Ha iniziato a sculacciarmi, non troppo veloce e non troppo forte, alternando le guance. All’inizio non mi fece molto male, ma dall’ultima volta che mi aveva sculacciato sapevo che le sensazioni si sarebbero accumulate nel tempo e che alla fine sarebbe diventato lancinante.

Prima che ciò accadesse, si fermò e si appoggiò allo schienale, riguardo al suo lavoro manuale. “Ti voglio rosa, ma è difficile dirlo con queste candele. Dovrò continuare finché non vedrò i risultati.”

Aspetta! Posso dire che sono rosa. Metti le mani su di me e sentirai che sono calde!

Mi mise le mani sulle guance e le strinse. “Sono calde solo un po’…

Allora accendi le luci e guarda!” Non rispose, ma continuò a strofinarmi delicatamente e a strizzarmi. Ho provato uno stratagemma e ho ricominciato a contorcermi.

Oh, ragazzo cattivo. So cosa stai facendo.”

Funziona?

Lei rise. “Si”. Si chinò di nuovo su di me e aprì un cassetto del comodino. Sedendosi di nuovo, applicò del lubrificante sul suo dildo e, allargando le mie guance con la mano sinistra, ne spruzzò un po’ sull’ano.

Tenendo la mano sinistra in posizione, allineò la testa del suo giocattolo e iniziò a spingerlo dentro. Non mi era sembrato troppo grosso prima, ma faceva male entrando. Ogni volta che mi colpiva, faceva male all’inizio.

Alla fine è venuto fuori e c’è stato un po’ di sollievo anche se mi sentivo ancora dolorosamente allungato. Si fermò un momento e poi iniziò a spingere più in profondità, molto lentamente.

Aspetta, aspetta, fermati un minuto. Fammi abituare” Ero nervoso e parlavo in fretta.

Andrò piano. Ti aiuterà se proverai a spingerlo fuori.” Continuò ad andare più in profondità, lentamente ma inesorabilmente.

Ho provato a respingerlo e mi ha aiutato, anche se ero quasi in preda al panico per la vulnerabilità della mia situazione. Se avesse deciso di spingerlo dentro non avrei potuto resistere, e lo aveva già fatto prima. Questa volta mi agitavo davvero.

Alla fine toccò il fondo, distendendomi la schiena. Stavamo entrambi respirando affannosamente. Mi ha girato la testa a destra e mi ha tenuto il viso verso il basso con una mano. Mi passò delicatamente le unghie sulla schiena con l’altra.

Ritorna indietro e allarga le guance in modo che io possa entrare fino in fondo, piccolo.

Non lo avrei fatto. Stava spingendo fino in fondo. “Adesso sei completamente entrato. Non c’è più spazio.

C’è sempre un po’ più di spazio. Come imballare una valigia.” È romantico. Abbassò le mani , e in qualche modo trovò un altro centimetro di profondità. “Vedi?

Cominciò a dondolarsi lentamente avanti e indietro, i suoi seni scivolavano sulla mia schiena mentre si muoveva. “Abbassa le braccia.” L’ho fatto e lei mi ha abbracciato il busto, bloccandomi le braccia al fianco. Aumentando il suo ritmo, allungò una mano e mi afferrò i capelli. Ben presto mi sbatté addosso, mormorando sottovoce, “Prendilo, piccolo. Prendilo e basta.”

Per esperienza ho potuto dire quando si stava avvicinando all’orgasmo, ma questa volta ci è voluto più tempo di quanto mi aspettassi. Stava martellando dentro e fuori, entrambi ansimavamo, per un periodo interminabile di tempo. Avrei potuto usare una parola sicura ma sembrava che sarebbe finita presto, quindi ho cercato di aspettare. È stata una lunga attesa.

Questa volta, quando è arrivata, è stato come se qualcuno mi avesse versato un bicchiere di acqua calda sul sedere, mentre si immergeva in me, ansimando di piacere. Le sensazioni sono state travolgenti e ho perso una certa quantità di controllo muscolare, il mio intero corpo tremante. Alla fine ha rallentato e alla fine si è fermata, bloccando le braccia sul mio corpo e respirando affannosamente. Mi distesi lì inerte ed esausto.

Quando prese fiato, parlò piano. “Meglio. Giocattolo. Mai.” Mi baciò la schiena e mi fece scivolare le mani sulla testa, sui capelli. “Cosa pensi?”

Sono stato in grado di parlare ora. “E ‘stato … intenso.”

“Spero che ti piaccia, perché lo faremo spesso.”

“Dammi qualche giorno per riprendermi, ok?”

“Lo vedremo. Ma hai capito male. Intendevo stasera. Non pensavi che avessimo ancora finito? Ho appena iniziato.”

“Stai scherzando, vero?”

Non stava scherzando. Ha iniziato a muoversi di nuovo e mi sono reso conto che mi avrebbe scopato ancora per molto tempo. È multi orgasmica e può praticamente continuare a venire fino a quando non è troppo stanca per muoversi o la mia lingua si esaurisce. Qualcosa che vorrei per me stesso, ma no. 

È venuta altre 4 volte, credo, e ogni volta ci ha messo 20 minuti, e ogni volta sbattendo duramente contro di me. Mi sono ritrovato inerte e passivo mentre si faceva strada su di me. Ho sentito parlare di spazio secondario e immagino che sia dove mi trovavo, perché il mio cervello non funzionava normalmente. Alla fine ho ricominciato a pensare e ho capito che era rimasta ferma per un po’. Ascoltando il suo respiro mi resi conto che si era appisolata.

Luisa“. Nessuna risposta. “Luisa!

Con voce assonnata disse: “Stai zitto piccolo. La mamma dorme.” 

Mammina? Eppure, ho riso. “Luisa! Svegliati!

Si svegliò e iniziò di nuovo a riflettersi su di me. “Mmmm.

Non ricominciare, Lisa! Ho bisogno di dormire un po’… lavoro domani“. Anzi oggi ormai. Dovevo essere al lavoro tra 4 ore.

Continuò a spingere delicatamente ma alla fine sospirò e si tirò fuori. Espirai con sollievo. “Avremmo potuto dormire come eravamo, sai.” Sembrava un po’ seccata.

Non riesco a dormire con quella cosa dentro. Stai scherzando?

Perché no? L’ho fatto.”

Mi misi a ridere. “Non era nel tuo culo.” Ho iniziato a rotolarmi per alzarmi ma lei mi ha spinto verso il basso.

Resta fermo. Ti ripulirò.” Scese dal letto e andò in bagno, tornando con le salviette per bambini e il cestino. Iniziò a pulirmi e il nostro sudore mi uscì dal culo.

La tua parte posteriore odora come la mia parte anteriore.” Mi stava sfregando delicatamente, pulendo il nostro casino.

Um … eh?

Lei rise. “No, mi piace.” Smise di strofinare. “Oh mio Dio, aspetta! Mi dà un’idea! Non muoverti.” Rotolò giù dal letto e corse in bagno.

Resterò qui finché non torni“, dissi nella stanza vuota.

Quando tornò a cavallo tra le mie cosce.

Niente pegging adesso, Luisa. Sono sfinito.

Shh. Niente pegging. Stai fermo.” Lei allargò di nuovo le mie guance e sentii qualcosa che veniva inserito in me. Non era grande ma ormai ero davvero dolorante. Ho provato a dimenarmi ma lei mi ha tenuto in posizione. L’attrito si è fermato ma ho sentito aumentare la pressione all’interno.

Che diavolo stai facendo??

Improvvisamente tirò fuori tutto ciò che mi aveva messo dentro, anche se c’era ancora una certa pressione. Allargando le guance con entrambe le mani, mi ispezionò il culo.

Potrebbe essere la cosa più calda che abbia mai visto …” La sua voce era affannosa.

Che cosa?

Lei mosse una mano e io sentii un strattone sul mio ano. “I tamponi che ruotano dentro.” Lo tirò in circolo, non rimuovendolo ma allungandomi da ogni angolo.

Gemetti. “Basta. Puoi tirarlo fuori per favore?

Lo toglierò quando suona la sveglia. Sono solo 3 ore.” Mi tirò giù dai cuscini e nel suo cucchiaio, avvolgendomi le braccia attorno al petto. “Sei il mia dolce bambino“. Si addormentò quasi immediatamente.

Anch’io.