Sono sempre di più gli uomini e le donne che provano una fortissima sensazione di piacere grazie al sesso anale. Bisogna però ben conoscere questo tipo di pratica piccante e soprattutto quelli che potrebbero essere dei rischi correlati se non fatto nel modo giusto.

Sesso anale: di cosa si tratta?

La prima cosa fondamentale da cui bisogna partire è la vera e propria definizione di sesso anale: questa non è altro che quell’attività che prevede la penetrazione del pene nell’ano. Nulla di bizzarro in quanto è utile conoscere che questa zona del corpo umano possiede tante terminazioni nervose per cui ha una notevole sensibilità. L’ano infatti è una delle zone più erogene del corpo umano per cui si possono avere delle sensazioni di piacere molto intense grazie alla penetrazione. Senza dimenticare che grazie al sesso anale si può raggiungere un orgasmo molto più intenso. Oltre a precisare che può essere di grande aiuto per quegli uomini che soffrono di disfunzione erettile. Vale la pena considerare che col sesso anale si possono avere dei rapporti sessuali sicuri (ancor di più utilizzando il preservativo, contro malattie veneree) per evitare gravidanze indesiderate.

Esistono dei rischi legati al sesso anale?

La domanda che molti si pongono è se esistano dei rischi correlati con questo tipo di pratica sessuale. Bisogna chiarire prima di tutto che questi rischi possono diventare realtà soprattutto se non si pratica sesso anale nel modo corretto. In primis si può parlare di pericoli di infezioni batteriche dato che l’ano non è una di quelle zone del corpo lubrificate normalmente a differenza della vagina. Il che vuol dire che si potrebbero creare anche delle lesioni che diventerebbero area di ingresso per virus e batteri anche pericolosi per la salute. Anche il papilloma può essere uno di quei pericoli correlati al sesso anale, esponendo alla formazione di verruche.

Inoltre bisogna parlare anche di un possibile abbassamento delle difese della zona anale e perianale che potrebbe diventare più sensibile a infezioni batteriche. Questi possono diventare pericolosi anche per il partner che penetra, dunque quello attivo. Attenzione anche a praticare sesso vaginale immediatamente dopo quello anale, soprattutto se con lo stesso preservativo o anche senza: potrebbe aumentare il rischio di vaginiti e infezioni urinarie.

Uno dei rischi collegati al sesso anale è anche l’indebolimento dello sfintere anale che, alla lunga, potrebbe perdere la sua flessibilità o risultare eccessivamente dilatato. Il che significa che si possono avere disturbi nel trattenere le feci, ecco perché potrebbero essere molto utili gli esercizi di Kegel per mantenere la flessibilità dello sfintere.

Sesso anale privo di rischi

Non è certo necessario spaventarsi o pensare che il sesso anale sia necessariamente una minaccia per la salute dell’organismo. Ci sono alcune accortezze che si possono avere e che possono contribuire a rendere molto piacevole questo tipo di esperienza. La prima cosa da fare è utilizzare un lubrificante che permette di non provare dolore e vivere questo momento con senso di relax ed eccitazione. Non esiste nell’ano una lubrificazione naturale come nella vagina, per cui senza un idoneo prodotto del genere potrebbe diventare concreto il rischio di avvertire dolore.

Bisogna poi stimolare con delicatezza le zone erogene, ovvero quelle dove ci sono terminazioni nervose che sono presenti nell’ano. Non bisogna andare troppo in profondità ma iniziare dalla parte più esterna potrebbe risultare molto utile per arrivare all’orgasmo anale. Evitare anche movimenti bruschi o che possano essere improvvisi può esporre a rischi importanti: meglio prediligere la delicatezza e procedere lentamente.

Molti esperti danno anche dei consigli pratici per quanto concerne il sesso anale in sicurezza in merito alle posizioni. In tal senso, pur non avendo un contatto visivo vero e proprio, è meglio sdraiarsi sulla schiena con i fianchi sollevati oppure stesi con i piedi poggiati sulle spalle di lui. In ogni caso provare non è un errore così da trovare la posizione ideale per godere al massimo.

Cosa fare contro i rischi del sesso anale

Indubbiamente il primo consiglio utile per ridurre gran parte dei rischi cui ci si può esporre col sesso anale è quello di usare il preservativo. Inoltre è sempre bene evitare di fare sesso orale o vaginale immediatamente dopo quello anale: dunque è preferibile cambiare il preservativo o sciacquare il pene in caso di rapporti non protetti. Per quel che riguarda i lubrificanti, è preferibile applicare quelli a base acquosa che evitino ogni lacerazione pericolosa per la salute. Inoltre è consigliabile rilassarsi prima di fare questo tipo di esperienza sessuale dato che si può ridurre il rischio di ferite. In tal senso può diventare molto utile un bagno caldo evitando di usare saponi troppo aggressivi per le mucose.

 

Club Sesso Anale