Il sesso anale è una di quelle pratiche davvero molto piccanti che garantiscono orgasmi intensi sia agli uomini che alle donne. Bisogna però tenere a mente qualche utile indicazione per essere certi di praticarlo nel modo giusto e facendo sì che possa rivelarsi come qualcosa di realmente bello.

L’approccio mentale giusto con il sesso anale

Non mancano di certo quelle persone che non vedono di buon occhio il sesso anale. Questo avviene principalmente in chi non lo abbia mai fatto, ma nel momento in cui lo sperimenta capisce come si tratti di qualcosa di molto eccitante. La condizione imprescindibile per portare la propria partner a lanciarsi verso questo nuovo tipo di esperienza hot è l’abbattimento di qualsiasi timore mentale o mancanza di fiducia. Ciò farà in modo che lei possa abbandonarsi all’uomo che ama e far sì che si possa provare anche qualcosa di nuovo che in un primo momento possa averla intimorita. L’atteggiamento deve essere molto premuroso facendo in modo da ispirare fiducia ed evitando di dire qualsiasi tipo di bugia. Meglio evitare di fare richieste in maniera troppo esplicita, così come bisogna assolutamente non tartassarla con richieste continue che, alla lunga, potrebbero farla irrigidire sulle sue posizioni. Farla direzionare verso l’obiettivo a piccoli passi può essere la giusta strategia.

Sfruttare al meglio i preliminari del sesso anale

Un ottimo modo per chi vive la prima esperienza di sesso anale è quella di sfruttare nel modo migliore i preliminari. In questo caso questi hanno un’importanza cruciale in quanto permette di preparare l’ano a quella che sarà una piacevole penetrazione. Ottimo modo anche per capire se realmente la donna è pronta e si senta eccitata in quanto la lubrificazione naturale della vagina sarà un primo segnale inequivocabile. Qualora si noti che i preliminari stanno avendo un effetto positivo sulla donna, allora si potrebbe iniziare a bagnare qualche dito con il liquido emesso a livello vaginale, ed infilarlo delicatamente nell’ano. Meglio partire dall’indice, passando poi a mettere anche il medio. Ottimo potrebbe essere anche il cunnilingus, ovvero leccare la zona in maniera tale da far schizzare il suo livello di eccitazione e farle vivere un’esperienza unica.

Iniziare con il sesso anale: qualche dritta

La fase dei preliminari permette di preparare il corpo e la psiche di una donna verso qualcosa di nuovo ma che sarà molto più eccitante di tutto il resto. Per iniziare, sarebbe meglio fare dei delicati massaggi nella zona dell’ano così da valutare quali siano le reazioni del corpo femminile. Mai esagerare né tanto meno essere troppo invadenti in quanto si potrebbe spegnere la fiammella della passione e determinare così una scarsa predisposizione verso il sesso anale. Arrivati al momento della penetrazione con il pene in erezione, è fondamentale ricordare che non bisogna mai andare eccessivamente in profondità, soprattutto se si tratta delle prime volte per lei. Dunque, è molto meglio partire con l’infilare solamente la punta dell’organo maschile facendo un movimento verso dentro e verso fuori ripetutamente. A quel punto la donna inizierà a godere e capirà di quanto il sesso anale sia qualcosa di bellissimo.

Evitare il dolore: prodotti consigliati

Alcuni marchi celebri che producono articoli per il sesso hanno lanciato già da diversi anni dei gel utili per lubrificare la zona dell’ano per il rapporto anale. Senza un’idonea lubrificazione infatti il sesso anale potrebbe far avvertire qualche dolore alla donna, motivo per cui è meglio adoperarsi in maniera opportuna. Bisogna infatti specificare che l’ano rappresenta una zona completamente diversa rispetto alla vagina dato che non è in grado di creare una lubrificazione naturale. Inoltre la mucosa dell’ano presenta una scarsa elasticità per cui si capisce bene da cosa possa derivare quel dolore che si può avvertire. Ecco perché usare un gel per un massaggio delicato nella cavità anale permette di prepararla in modo opportuno alla penetrazione. Il risultato è garantito dato che hanno una durata abbastanza lunga e soprattutto non creano problemi di fastidi o irritazioni di alcun genere.

La posizione migliore per praticare sesso anale

Trattandosi di un rapporto diverso rispetto a quello vaginale, è utile conoscere la migliore posizione per praticarlo. La migliore prevede che la donna sia stesa sulla pancia in maniera tale che tutto il corpo risulti rilassato, appoggiato su un morbido materasso. Proprio questo è un altro elemento importante, ovvero che la superficie di appoggio sia morbida e non rigida (esempio, un pavimento). Così come potrebbero essere molto intriganti altre posizioni che prevedono che le natiche non rimangano contratte: ciò farà in modo che la cavità anale possa dilatarsi più facilmente nel corso della penetrazione. Altra posizione utile, ma probabilmente indicata per chi ha già una certa dimestichezza con questo tipo di rapporto sessuale, è quella che prevede che la donna rimanga di schiena distesa con le gambe sollevate e poggiando i piedi sulle spalle di lui.

 

Iscriviti al Club!